BILANCIO YOUTH GAMES 2016

I NUMERI DELLA MANIFESTAZIONE. LA SODDISFAZIONE DEL  SINDACO VALERIA MANCINELLI. GIA’ AL LAVORO PER LA PROSSIMA EDIZIONE DEL 2018.

Un evento senza precedenti nella storia recente di Ancona  (secondo solo al Congresso Nazionale Eucaristico 2011, con la presenza di Papa Ratzinger alla giornata conclusiva)  quello che ha interessato il capoluogo, coinvolgendo ed entusiasmando ampiamente la cittadinanza,  dal 15 al 17 giugno:  la seconda edizione degli YOUTH GAMES della Macroregione Adriatico Ionica.
Oltre 1000  tra ragazzi e accompagnatori,  altrettanto movimento di persone al porto e nelle vie e piazze cittadine, una ventina di impianti sportivi affollati di atleti e tifosi, 20  tornei tra maschili e femminili,  466 medaglie assegnate, quasi 6000 mila pasti erogati, 12.000 litri d’acqua bevuti,  256 presenze dei volontari della Protezione Civile per circa 1500 ore, 50.000 e passa contatti su facebook in due lingue, e molto molto altro.
Si tirano le somme -a distanza di una settimana- di quello che per tutti gli 8 Paesi della Macroregione: Italia, Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro, Serbia e Slovenia è ormai letto come un vero e proprio fenomeno.  Numerose le lettere di ringraziamento indirizzate  in questi giorni al Sindaco di Ancona dalle città dell’altra sponda (Sindaci e federazioni sportive)  che sottolineano la gratitudine, la stima e il consenso per una iniziativa che affratella le comunità dei due mari e consolida i rapporti tra i Paesi, consacrando Ancona come punto di riferimento nell’ambito di questa nuova identità geografico-politica che -anche grazie ai Giochi- sta stringendo sempre più i suoi legami, specialmente tra le giovani generazioni.
E anche sul fronte italiano, massimo consenso per l’iniziativa del Comune di Ancona: molte sono state per questa seconda edizione  le delegazioni provenienti da regioni italiane in questa edizione : Abruzzo, Puglia, Umbria, Molise, Emilia Romagna, con un totale di circa 60 giovani.  E, naturalmente gli atleti anconetani, 154 nel totale a cui si sono affiancate 10 cestiste di Civitanova Marche.
Lo sport: undici le discipline sportive in cui si sono confrontati i ragazzi di15-16 anni che hanno portato all’assegnazione di   170 medaglie di bronzo, 149 medaglie d’argento 147 d’oro, nella cerimonia conclusiva che si è svolta al porto antico alla presenza di un folto pubblico.
Gli studenti delle scuole marchigiane coinvolti sono stati circa 260 dei quali 200 impegnati come interpreti, accompagnatori, reporter dai campi grazie alla collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale.
La macchina organizzativa, coordinata dagli assessorati allo Sport, Andrea Guidotti  e alle Relazioni Internazionali del Comune di Ancona, Ida Simonella con il contributo della Regione Marche  si avvalsa ovviamente  della collaborazione con le federazioni sportive regionali che hanno dimostrato un eccezionale spirito di collaborazione.

“Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato ma anche partecipato sia come atleti, accompagnatori che come pubblico agli Youth Games, ai Giochi della Macroregione Adriatico Ionica – esordisce il sindaco Valeria Mancinelli  . L’ottima riuscita di questa manifestazione ha dimostrato che la città di Ancona è sempre più riferimento per le realtà d’oltremare. La cospicua partecipazione degli atleti stranieri con le loro delegazioni ha ribadito l’attenzione per il capoluogo dorico e per il suo ruolo di capofila nel progetto della Macroregione alla quale è forte la voglia di partecipazione anche da parte delle altre città italiane territorialmente interessate. I giochi, i cui momenti clou si sono svolti in porto, sono stati anche occasione per ribadire la volontà dell’amministrazione in sinergia con l’Autorità Portuale, di rilancio del porto dorico e soprattutto, del porto storico, quale scalo logistico – penso alle crociere – ma anche luogo attrattivo per turisti e cittadini”.

“Siamo enormemente soddisfatti – afferma  Andrea Guidotti –  la seconda  edizione ha confermato il  successi della  prima;  tantissime le manifestazioni di affetto e congratulazioni da parte dei ragazzi e delle delegazioni straniere . Basta guardare la pagina Facebook . Ancona ha dimostrato ancora una volta di essere  sempre più luogo privilegiato per eventi sportivi importanti che mettonos i al centro lo sport ma che fungono da volano per l’immagine e il turismo della nostra città”.
“L’evento Youth Games  – conferma da parte sua Ida Simonella, assessore alle Relazioni Internazionali,  che ha curato il coordinamento generale dell’iniziativa-   ha sicuramente contribuito a consolidare sul campo il percorso strategico della Macroregione Adriatico Ionica: delegazioni da 15 città internazionali, rapporti consolidate con le istituzioni, e una riconoscibilità  internazionale forte di Ancona, la cui immagine festosa e accogliente in questi giorni è passata anche nella maggiori testate giornalistiche del Paesi partecipanti. Un successo su tutti i fronti.”

Gli “Adriatic and Ionian Macroregion Youth Games” sono voluti e organizzati anche nel 2016  dall’ Amministrazione comunale dorica e realizzati con il supporto della Regione Marche,  con la collaborazione del Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche- M.I.U.R., CONI, Autorità Portuale di Ancona, Camera di Commercio di Ancona,  Marina Militare, Segretariato per l’Iniziativa Adriatico Ionica , Aiccre e Rete Città Sane.

Il concorso riservato agli operatori commerciali dorici,  per la vetrina più originale in tema con i giochi, ha visto al primo posto quella di Corto Maltese (280 likes), seguita da Meldolesi Sport (263) e da Birbe e Monelli (223) ed i cui titolari sono stt8i premiati nel corso della serata finale al porto antico.
Protagonista anche la solidarietà con un’iniziativa a favore di Medici Senza Frontiere, la più grande organizzazione medico umanitaria indipendente al mondo, grazie anche alla sensibilità e collaborazione dell’Avis regionale, sponsor etico dei giochi. Sono state oltre 200 le felpe solidali vendute nel corso della manifestazione ed il cui ricavato è stato tutto destinato a MSF.

Gli Youth Games sono possibili grazie al generoso intervento di Adria Ferries e DPI che sono i mani sponsor, quindi GGF Group,  con  Sida, Marche Maraviglia e Seeport Hotel. E poi Prometeo Estra Edma, API, Unicredit, Avis, Puntogomme, Hotel Passetto.   Si ringrazia per la collaborazione tutte le compagnie di navigazione del porto per la scontistica extra effettuata  agli atleti e al le delegazioni.